Quartiere ellenestico-romano

A non molta distanza dal Museo Archeologico di Agrigento si trova il quartiere ellenestico-romano, un settore urbano tornato alla luce in seguito agli scavi archeologici relativamente recenti finalizzati ad indentificare l’antica Agrigento.

L’area si estende per circa 15 mila metri quadrati e risale al IV secolo a.c. L’impianto del quartiere riflette i dettami di Ippodamo di Mileto, urbanista greco del V secolo e presenta quindi un tracciato regolare con tre strade principali (decumani) che intersecano quattro strade secondarie (cardi).

A questo impianto si sovrappone il quartiere romano che riutilizza in parte le strutture abitative ellenistiche arricchendole con mosaici pavimentali e decorazioni di stucco e affresco.

Le abitazioni sono di vario tipo: alcune a peristilio ellenistico altre ad atrio. Oltre alle case, alle ville e ai magazzini, si possono riconoscere nella struttura urbana anche tabernae e pozzi oltre ad un sistema di tubature in terracotta che garantiva il rifornimento idrico e riscaldamento alle abitazioni, e le infrastrutture fognarie per lo smaltimento delle acque piovane e dei liquami.

Altri luoghi di Interesse