Le spiagge naturiste e nudiste in Sicilia

    Spiagge nudiste in Sicilia

    In questo articolo vi presentiamo le migliori spiagge naturiste e nudiste in Sicilia. Che siate naturisti convinti o in cerca della prima esperienza, questa è la guida perfetta per voi. Anche se attualmente di spiagge naturiste autorizzate in Sicilia ce n’è soltanto una, i luoghi dove è possibile prendere il sole integrale sono molti di più. Frequentando le spiagge dove il naturismo è una pratica consolidata eviterete multe e sarete al riparo da occhi indiscreti. 

    Cosa sono nudismo e naturismo

    I termini naturismo e nudismo spesso sono utilizzati come sinonimi. L’International Naturist Federation, in occasione del 14° Congresso Naturista Mondiale, tenutosi nel 1974 in Francia, ha dato la sua definizione di naturismo. Questo è stato definito come: “un modo di vivere in armonia con la natura caratterizzato dalla pratica della nudità in comune che ha lo scopo di favorire il rispetto di sé stessi, il rispetto degli altri e quello dell’ambiente”. Il naturismo è in realtà un movimento nato tra la fine del 19° e l’inizio del 20° secolo come reazione agli eccessi della civiltà industriale e dell’urbanesimo. L’idea alla base era quella della ricerca di un contatto più diretto con la natura, un’alimentazione prevalentemente vegetariana e il ritorno ad una vita più semplice, basata anche sull’eliminazione dei vestiti. Il concetto di nudismo spesso è legato alle spiagge e al sole integrale. Il naturismo è invece una filosofia più ampia che prevede, ad esempio, anche lo stare nudi in casa.

    Spiagge nudiste e leggi italiane

    Attualmente in Italia non esiste nessuna legge che disciplina il naturismo. Alcune regioni hanno però approvato delle leggi specifiche per autorizzare, in alcune spiagge, la pratica del naturismo. In Sicilia esiste una sola spiaggia autorizzata, quella di Bulala nel territorio di Gela. Esistono comunque diverse spiagge dove il naturismo è una pratica consolidata da diversi anni. Il nudo integrale, in luoghi diversi da quelli autorizzati o da quelli segnalati come spiagge naturiste, è vietato. Il rischio è quello di incorrere in una sanzione amministrativa.

    Avete bisogno di un brivido e di una scarica di adrenalina? Allora benvenuti sul sito del casinò PinUp. Si tratta di uno dei migliori club di gioco d’azzardo online con un’impressionante selezione di slot machine per tutti i gusti, che si possono giocare con denaro reale e gratuitamente senza registrazione. E si possono ottenere simpatici premi per la registrazione, il deposito, la perdita, il giorno del compleanno e il codice promozionale. ‌

    Le spiagge nudiste e naturiste in Sicilia

    Ci sono diversi punti della costa siciliana dove il naturismo è praticato da tantissimi anni. Non sono mancate ovviamente critiche e proteste da parte degli abitanti locali e anche contenziosi legali. Alcune sentenze nazionali hanno però stabilito in maniera definitiva che non è punibile penalmente il naturismo. Dal 2021 esiste anche una Associazione Siciliana Naturismo (Asina), un gruppo di promozione territoriale di Anita, l’Associazione Naturista Italiana. Le spiagge proposte sono quelle dove il naturismo è una pratica consolidata e quindi più adatte soprattutto per chi si avvicina a questa filosofia per la prima volta.

    Spiaggia di Marianelli

    La Spiaggia di Marianelli, la spiaggia naturista e gay friendly nella Riserva di Vendicari

    Iniziamo questo elenco delle spiagge nudiste e naturiste in Sicilia con una delle cinque spiagge della Riserva di Vendicari: la Spiaggia di Marianelli. È un’oasi di pace e tranquillità frequentata ormai da diversi anni dai naturisti. Nel periodo estivo, quando l’affluenza è massima, si perde un po’ questa magia ma grazie al clima molto mite della Sicilia è possibile godere della spiaggia anche a maggio, giugno e settembre. La parte occupata dai naturisti è solitamente quella sulla sinistra, vicina alla foce del fiume Tellaro. La Spiaggia di Marianelli, come tutta la città di Noto, è anche una delle mete gay friendly più importanti della Sicilia.

    Spiaggia di San Saba

    Per questa guida sulle spiagge naturiste e nudiste in Sicilia ci spostiamo adesso nella provincia di Messina. La Spiaggia di San Saba è famosa in tutto il territorio di Messina per la sua Montagna di Sabbia. Si tratta di un grande promontorio roccioso interamente ricoperto di sabbia. Questo lo rende scalabile partendo direttamente dalla spiaggia e, una volta in cima, si può godere di un magnifico panorama. I bambini, ma anche i più grandi amano rotolarsi dalla vetta fino ad arrivare al mare. Il tratto di spiaggia che si trova oltre la Montagna di Sabbia è frequentato da tantissimi anni dai naturisti.

    Spiaggia di Fondaco Parrino

    Sempre nella provincia di Messina si trova un’altra spiaggia naturista: quella di Fondaco Parrino. Si trova a pochi chilometri da Taormina, tra le località di Sant’Alessio Siculo e Letojanni. È un lungo tratto di spiaggia che si estende per circa 500 metri, stretto tra il mare e la strada statale. Il litorale è formato da sabbia e ciottoli ed è bagnato da un magnifico mare turchese. La spiaggia è riconosciuta come gay friendly e da diversi anni è frequentata da naturisti e nudisti.

    Spiaggia di Torre Salsa

    Spiaggia di Torre Salsa

    Andiamo adesso nel territorio di Agrigento, dove ci sono due delle spiagge naturiste e nudiste in Sicilia. La prima si trova tra Eraclea Minoa e Siculiana ed è la splendida Spiaggia di Torre Salsa. Si tratta di una distesa di sabbia che si estende per oltre 2 chilometri e che ricade all’interno della Riserva di Torre Salsa, attualmente gestita dal WWF. I naturisti frequentano questo luogo da tantissimi anni e solitamente occupano la seconda metà della spiaggia detta Funcitella. È sicuramente una delle spiagge naturiste più affascinanti della Sicilia. Qui è possibile ammirare l’immensità dell’orizzonte del mare in un contesto dove si alternano marne bianche e dune sabbiose.

    Spiaggia della foce del Platani

    Spiaggia della foce del Fiume Platani

    Poco più a nord della Spiaggia di Torre Salsa c’è un’altra delle riserve naturali in Sicilia: quella della Foce del Fiume Platani. È un’area che si estende per oltre 206 ettari, caratterizzata da un ecosistema fatto di vegetazione ripariale e macchia mediterranea e frequentata da tantissime specie di uccelli migratori. A completare questo quadro c’è la lunga distesa di sabbia con dune basse della Spiaggia della foce del Fiume Platani. Questa è la seconda spiaggia nudista e naturista della provincia di Agrigento e si estende per oltre quattro chilometri da Borgo Bonsignore, una frazione di Ribera, fino a Capo Bianco. Quest’ultimo è una formazione rocciosa che ricorda molto quella della Scala dei Turchi. Nella sua sommità si trovano i resti di Eraclea Minoa, una città greca edificata alla fine del VI sec. a. C. La zona frequentata dai naturisti è quella che si trova tra Capo Bianco e la foce del fiume.

    Spiaggia di Capo Gallo

    Dopo Agrigento ci spostiamo nella provincia di Palermo, dove sono due le spiagge nudiste e naturiste più famose. La Riserva di Capo Gallo è un piccolo paradiso che si trova tra Mondello e Sferracavallo. Un tratto di costa incontaminato formato esclusivamente da roccia. Se amate sdraiarvi sulla sabbia e entrare in acqua con facilità allora probabilmente questa, tra le spiagge nudiste in Sicilia, è quella meno adatta a voi. In realtà in questa zona non c’è una vera e propria spiaggia. È fondamentale avere le scarpette da scoglio e ci si sdraia sulle rocce. L’accesso alla riserva è a pagamento e può avvenire da tre diversi punti. Accedendo dal lato di Mondello, il naturismo e il nudismo è praticato nella parte di litorale successiva al faro. Entrando invece dalla parte opposta, quella di Sferracavallo, il naturismo è praticato nella zona centrale della riserva, nella cosiddetta Spiaggia delle Vergini.

    Spiaggia di Salinelle

    In provincia di Palermo si trova anche un’altra delle spiagge nudiste e naturiste in Sicilia. È la Spiaggia di Salinelle, la più frequentata ma anche la più grande tra quelle del piccolo centro di Lascari. È una distesa di sabbia mista a ciottoli, che si estende per 3 chilometri, dove tutti gli amanti del mare riescono a trovare il loro spazio. Ci sono famiglie con bambini, ragazzi, appassionati di windsurf e, ovviamente, anche i naturisti. Nel periodo tra luglio e ottobre questa spiaggia è resa ancora più affascinante dalla fioritura dei gigli di mare. Queste particolari piante dai fiori bianchi crescono spontaneamente sui litorali sabbiosi del Mar Mediterraneo e del Mar Nero. Nelle serate estive prive di vento è possibile percepire il loro intenso profumo.

    Spiaggia di Bulala

    La Spiaggia di Bulala a Gela è l’unica spiaggia naturista autorizzata in Sicilia. Purtroppo però la situazione di quest’area è da diversi anni molto critica. Nel  litorale è presente una grandissima quantità di rifiuti portati dal mare o abbandonati dall’uomo. Potete trovare conferma di questo nelle tantissime recensioni e foto disponibili online. Nonostante sia una spiaggia potenzialmente bellissima, non possiamo assolutamente consigliare né la visita né il bagno in questo tratto di mare. Speriamo che molto presto l’area verrà bonificata e la situazione ritorni alla normalità.

    Lascia un commento